Bivongi:di rosso ed antiche pietre

Vino, tradizione ortodosse ed incredibili bellezze naturali

Abbracciato al verde intenso del Monte Consolino e dominato da un suggestivo costone di roccia su cui è possibile scorgere le affascinanti rovine del vecchio Convento degli Apostoli, l’antico paese di Bivongi è stato fondato nel X secolo d.C. da un gruppo di monaci basiliani in fuga dalle incursioni saracene.

Nel corso dei secoli la vita del borgo è gravitata intorno ai monasteri, tra cui quello di San Giovanni Therestis, imponente testimonianza di un passato greco ortodosso di cui restano importanti eredità nel dialetto del posto, nel paesaggio caratterizzato da terrazzamenti agricoli e il borgo medievale.

Qui i monaci hanno affinato l’arte di un vino scuro e corposo, oggi protetto dal marchio DOC, che rende fiera la gente di quest’area al punto da aver fregiato il paese del titolo di Città del vino.

IL NOME DEL BORGO

Il nome del borgo – come si apprende dal Brebion, un documento greco del 1050 circa – deriva dal greco Boβὸγγες, in riferimento alla coltura del baco da seta, che per secoli è stata fonte di ricchezza per la cittadina insieme alle miniere e alle relative ferriere. 

Una passeggiata per Bivongi

Il centro storico di Bivongi è un’autentica bomboniera medievale sospesa in un tempo tutto suo, che ogni sera s’illumina di romantiche luci che esaltano la bellezza del borgo, interamente lastricato in porfido e sviluppato su viuzze, scalinate e dislivelli collegati tra loro da tipiche scalinate laterali in pietra di memoria medievale.

Il nucleo più antico del paese è Mangioni, noto così per la probabile presenza di una mensa per poveri gestita dai monaci della chiesa di San Nicola, sconsacrata nell’Ottocento e oggi sede dell’aula consiliare del Comune.

Altra testimonianza di antichi splendori è la piazza vecchia del paese, circondata da antiche case nobiliari, insieme alla Chiesa di San Giovanni decollato e alla facciata barocca del Santuario del XIII secolo dedicato a Maria SS Mamma Nostra.

La sagra del vino di Bivongi

Ogni 13 agosto il borgo di Bivongi viene scosso fino alle fondamenta dalla sagra del vino DOC di Bivongi.

Ad accompagnare il sapore corposo e ammaliante del delizioso Vino DOC rosso di Bivongi, la sagra offre inebrianti piatti tipici frutto di secoli di sapienza nell’accostamento tra i sapori di questa splendida valle, concerti, spettacoli e danze che si concentrano nella ridente Piazza del Popolo.

Bivongi è anche sede di un albergo diffuso che può contare su diverse unità abitative sparse per tutto il centro storico, pronte ad accogliere i turisti e gli avventori della sagra del vino che desiderano pernottare qui e – magari – fare un’escursione tra le meraviglie del territorio circostante.